È lo Stato, non la CEDU, a decidere i programmi e l'organizzazione scolastica.